18623621_768403146665492_3235888784016575057_o-590x340

ROMA, 14 luglio – L’Assessore all’Economia, Crescita e Semplificazione Massimo Garavaglia ha partecipato oggi alla seconda riunione del Comitato “Milano European Financial Hub”, svoltasi presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Le diverse operazioni finanziarie di successo delle ultime settimane, l’affermazione dei Piani Individuali di Risparmio e le prospettive di IPO a Piazza Affari hanno rafforzato il ruolo di Milano come piazza finanziaria europea.

Le infrastrutture, il business environment e le misure su tassazione e attrazione del capitale umano rendono la citta’ assai competitiva su scala europea, anche in ottica Brexit. Banche e fondi internazionali stanno gia’ rafforzando la propria presenza in Italia e a Milano.

Tra questi vi sono Amundi, Credit Suisse, Goldman Sachs, JP Morgan. Il Comitato si è impegnato ad uno sforzo di ricognizione del quadro normativo e regolatorio al fine di semplificare procedure autorizzative per operatori che si trasferiscano in Italia. Tale sforzo e’ mirato a proporre misure di legge e a modificare prassi esistenti che costituiscono passaggi burocratici troppo gravosi. Un particolare focus sara’ dedicato alle specificita’ del settore Fintech.

Nel corso dell’incontro sono state anche discusse proposte in materia di certezza del diritto fiscale e previdenziale. Sul tema previdenziale il MISE ha dato avvio a un tavolo di lavoro sulle global employment companies volto a uniformare la normativa italiana a quella di altri paesi in caso di distacco di lavoratori all’estero, con l’obiettivo di facilitare l’insediamento di tali aziende in Italia.

Nelle prossime settimane il Comitato “Milano European Financial Hub” intensifichera’ le attivita’ di comunicazione sulle misure prese e di promozione della attrattivita’ di Milano presso i soggetti potenzialmente interessati.

A questo proposito, Regione ha messo a disposizione la società del sistema regionale Explora, oltre ai date base e gli studi già realizzati, per avanzare la candidatura di Milano, quale sede dell’Agenzia Europea del Farmaco.