Milano, 8 ottobre 2013 - “Il Governo delle lunghe attese riesce ad incartarsi ancora sull’Imu. Prima l’Esecutivo annuncia di aver già rimborsato ai Comuni la prima rata, poi il Pd cerca di intervenire sulla stessa rata, quindi sempre il Pd ritira gli emendamenti e con una sibillina nota del capogruppo di commissione fa intuire che tenteranno di rivalersi sulla seconda rata.
E mentre ancora si aspetta che se ne accorgano anche quelli del Pdl per far ripartire la solita polemica nella maggioranza noi invece siamo sempre più preoccupati per l’andamento generale delle entrate, che vedono da un lato l’Iva crollare in conseguenza della crisi e del calo del Pil e dall’altro aumentare l’Ires del 7,5%, che significa più di 1 miliardo e 320 milioni di euro di imposte per le aziende.
E’ questa la competitività di cui parla il premier Letta?
La verità è che se con la legge di stabilità non si compie un intervento pesante a favore di chi le tasse le paga con i soldi propri l’anno prossimo rischiamo davvero grosso…”.

Lo dichiara il responsabile Economia e Finanze della Lega Nord, Massimo Garavaglia.