foto 5 (83)

L’ASSESSORE: NOSTRA RIFORMA HA ANTICIPATO LO SCENARIO NAZIONALE CON ‘ATTO INDIRIZZO’ FARMACIE OFFRONO SUPPORTO PER PREVENZIONE

(Lnews – Milano, 18 mar) “La farmacia all’interno della riforma socio sanitaria di Regione Lombardia assume un ruolo sempre piu’ centrale, sia sotto il profilo della prevenzione, sia della cura della cronicita’”. Lo ha detto questo pomeriggio l’assessore all’Economia Crescita Semplificazione di Regione Lombardia Massimo Garavaglia intervenendo alla tavola rotonda ‘Politiche del farmaco tra universita’ e mercato’ organizzata all’interno di ’FarmacistaPiu’2017′ in corso di svolgimento presso il MiCo Centro Congressi di Milano.

“LA COPERTA E’ CORTA” – L’assessore Garavaglia in  qualita’ di componente del Cda di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) e presidente del Comitato di Settore Sanita’ del comparto regionale ha poi parlato della sostenibilita’ del sistema: “In AIFA sono state fatte delle buone cose, e’ giusta la lotta per l’eradicazione totale dell’epatite, cosi’ come gli
investimenti fatti sui farmaci innovativi. Pero’, la coperta e’ corta di questo dobbiamo esserne consapevoli”.

FARMACIA SEMPRE PIU’ STRATEGICA – “Fatta questa premessa – ha continuato l’assessore – le funzioni delle farmacie saranno sempre piu’ strategiche all’interno di un sistema sanitario in evoluzione e dove cambiano i bisogni. E’ un cambio strutturale - ha sottolineato Garavaglia – che in Lombardia abbiamo anticipato con la riforma e che punta sull’integrazione tra ospedale e territorio”.

NON SOLO CURA MA ANCHE PREVENZIONE – “Le farmacie possono fare moltissimo. Pensiamo a come potrebbero essere trattati i prediabetici con una presa in carico attenta o come potrebbero essere gestite le vaccinazioni. C’e’ poi tutto il tema della cronicita’, ancor piu’ centrale alla luce del progressivo invecchiamento della nostra popolazione”.

UNA FARMACIA DI SERVIZI – L’assessore lombardo ha poi evidenziato i crescenti servizi che le farmacie potranno offrire al cittadino. “Dal pagamento del ticket – ha concluso - all’integrazione con i medici di medicina generale, soprattutto nelle realta’ montane o rurali. Le farmacie saranno sempre piu’ fondamentali nella cura della persona, cosi’ come previsto dall’atto di indirizzo recentemente approvato dal Comitato di settore”. (Lnews)